Vorrei..

Siamo sommersi dal frastuono assordante di parole, parole urlate, cantate, sbandierate, schiamazzate, declamate, inveite, tuonate, sbraitate.. un chiacchericcio simile al frastuono assordante, inarrestabile e fastidioso del frinire delle cicale. Un bla bla che spesso ci investe e ci  cade addosso come pioggia che oltre ad inzuppare  i vestiti e la pelle non va oltre. Spesso sono parole ostili che si tramutano in fatti, azioni che fanno l’uomo nemico al simile. E si resta disorientati, smarriti, confusi, incomunicanti, stranieri, incompresi, come ai tempi della torre di Babele.

Vorrei  trovare parole nuove da dire, parole che entusiasmino i cuori, smuovano le coscienze. Parole originali, dirrompenti che facciano crollare i muri della mente, che smontino recinti e barriere, che abbiano la forza di tornado rimescolando in un caos infernale le cose, riportando a galla tesori nascosti. Vorrei  parole che come lieviti fermentino le  idee trasformandole in fatti nuovi, sostanze cresciute. Vorrei trovare parole nuove che creino coraggio azzerando paure sorvolando il limite umano, parole che non contemplino i concetti di  impossibilità, arresto, sconfitta. Vorrei trovare parole libere, ruffiane, carismatiche,fascinose, in grado di calamitare condivisioni, in grado di suscitare empatie, creare sistemi di riferimento comuni in cui riconoscersi ed identificarsi. Parole sociali, in grado di uscire dal chiuso di una stanza o dalla mente del singolo che le partorisce capaci di creare reti, ponti di amicizia e collaborazione tra le persone. Parole che come singoli anelli si allaccino a formare una catena robusta il cui fine ultimo è la comprensione umana, l’abbraccio universale, l’amore universale. Progetto o aspirazione impossibile e ardua?! Dovrei essere un’artista, una maga capace di creare alchimie, una filosofa che gioca e impasta parole..dovrei cercarle in spazi e atmosfere inusuali?

Ma poi rifletto e penso che…non serve tutto ciò. C’è un luogo comune a tutta l’Umanità: la nostra anima. In essa risiede tutto il nostro senso, i nostri desideri, i nostri sogni, i nostri bisogni, il nostro sentire, i nostri sentimenti…come forze primordiali, selvagge, naturali, comuni. Forze che spessissimo sono lasciate ad ammuffire  o seppellite da coltri spesse di polvere come lo sono l’egoismo, la prepotenza, l’ignoranza, l’ignavia, la stoltezza,  le false felicità. La nostra anima come  un pianoforte contiene tutte le melodie ..basta suonare i tasti giusti.  Suoniamo?

Semplice

Annunci

13 commenti su “Vorrei..

  1. accantoalcamino ha detto:

    Quanto mi “like” questo post Vera, dai suoniamo…

  2. Insenseofyou ha detto:

    Hai detto ogni cosa, senza tralasciare nulla … ed il suono che ne scaturisce è sublime 🙂

  3. cicciodoria ha detto:

    Magari bastassero le parole………! Ma l’aspetto più terribile dell’umanità d’oggi, a mio personale avviso, consiste nella perdita, sempre più accentuata, del concetto di spirito, del concetto di anima, retaggio di quell’edonismo vuoto che ci viene in regalo da oltre oceano. Ci sarebbe molto da pensare, cara Vera, e molto da discutere! Magari si trattasse soltanto di trovare le parole adatte!!

  4. pierperrone ha detto:

    Mi piace quello che hai scritto, Vera. lo ciondivido pienamente.
    Le parole, la loro illuusione, il loro valore vero, la contraddizione e l’importanza di qesta lotta… che rinvigorisce l’anima…
    Si, le tue parole le faccio mie.
    Piero

  5. beautiful41 ha detto:

    Carissima,
    complimenti per questo tuo articolo.
    Hai ripetuto spontaneamente e sei addivenuta alle stesse conclusioni della famosissima “Desiderata”.
    Solo i valori dello spirito, e quindi dell’anima, sono una sicura difesa nelle avversità ed essi sono un’ancora di salvezza per i riferimenti immortali di Civiltà comuni alle anime di tutti gli esseri umani.
    Essi escono allo scoperto solo dopo grandi tragedie che nel nostro caso, come da te ben messo in risalto, stanno per consumarsi in un diluvio universale di sproloqui di bla-bla-bla che, annullando la riflessione, risetteranno tutto a zero, proprio come dopo una grande guerra.
    Ti abbraccio

    • semplice1 ha detto:

      Caro Beautiful, stamattina non ci pensavo alla Desiderata,
      ecco questa può essere la prova del nove che dentro noi esistono parole immortali,
      gli stessi desideri, le stesse volontà, ovunque noi siamo e nel tempo e nello spazio.
      Per la gioia di tutti metto di seguito un video e il testo integrale della Desiderata.
      Il mio abbraccio

      Si dice che il brano intitolato «Desiderata» sia stato trovato nella vecchia chiesa di San Paolo a Baltimora e che
      sia datato 1692. In realtà questa prosa lirica fu scritta da un poeta dell’Indiana di nome Max Ehrmann e venne
      registrata per i diritti d’autore alla Libreria del Congresso nel 1927.
      I diritti furono rinnovati dalla vedova, perciò lo scritto è ancora protetto dalla legge statunitense sul copyright.
      Quindi, questo popolare scritto filosofico ha un autore e una data piuttosto recenti.
      Tuttavia ciò che dice resta senza tempo e conferisce al suo autore il diritto a una nicchia in quel pantheon poetico cui appartengono coloro che hanno, almeno una volta, percepito chiaramente la verità eterna.

      Desiderata
      Procedi con calma in mezzo al rumore e alla fretta e ricorda quanta pace può esserci nel silenzio.
      Per quanto ti è possibile, senza sottometterti, sii sempre in buoni rapporti col prossimo.
      Esprimi la tua verità con tranquillità e chiarezza e ascolta gli altri,
      anche gli ottusi e gli ignoranti: anch’essi hanno la loro storia.
      Evita le persone rumorose ed aggressive: opprimono lo spirito.
      Se ti paragoni agli altri potresti diventare vanesio e amaro; perché ci saranno sempre persone superiori o inferiori a te.
      Goditi i tuoi risultati così come i tuoi progetti.
      Conserva l’interesse per il tuo lavoro: per quanto umile sia; è ciò che realmente possiedi nella mutevole sorte del tempo.
      Sii prudente nei tuoi affari, perché il mondo è pieno di tranelli.
      Ma ciò non accechi la tua capacità di distinguere la virtù;
      molte persone lottano per grandi ideali e dovunque la vita è piena di eroismo. Sii te stesso.
      Soprattutto non fingere negli affetti e non essere memmeno cinico sull’amore; perché, nonostante tutte le aridità e le disillusioni esso è perenne come l’erba.
      Accetta benevolmente gli ammaestramenti che derivano dall’età e molla con un sorriso sereno le cose della giovinezza.
      Coltiva la forza di spirito per fartene scudo contro l’improvvisa sfortuna.
      Ma non tormentarti con l’immaginazione. Molte paure nascono dalla stanchezza e dalla solitudine.
      Al di là di una salutare disciplina, sii gentile con te stesso.
      Tu sei figlio dell’universo, non meno degli alberi e delle stelle; tu hai il diritto di essere qui.
      E che ti sia chiaro o no, non c’è dubbio che l’universo ti si sta schiudendo come deve.
      Perciò sii in pace con Dio comunque tu lo concepisca e quali che siano le tue lotte e le tue aspirazioni;
      conserva la pace dello spirito pur nella rumorosa confusione della vita.
      Con tutti i suoi inganni, le ingratitudini e i sogni infranti, questo è pur sempre un mondo stupendo.
      Stai attento e fa’ di tutto per essere felice.

  6. Giulio Salvatori ha detto:

    Prima di mettere mano alla “penna” ho riflettuto a lungo. Mi è apparso in continuazione un foglio bianco sul quale mi era impossibile aggiungere qualche riflessione.Mi hai rubato tutto il mio dire per quanto sei stata profonda, ma voglio sforzarmi per aggiungere un sia pur piccola pennellata alla tua pittura. Si ! Di pittura si tratta;la tua anima ha rovesciato quanto di più bello si possa leggere. Come sai ho vissuto per tanti anni in un piccolo paese sperduto ai piedi delle Apuane , Uomini rudi avvezi alla fatica dove il dialogo era inesistente ma, vi era fra queste persone (e in parte tutt’ora) una comunione di fraseggi muti. Quel -oh!- appena abbozzato quando s’incontravano per gli stretti sentieri, voleva dire un infinità di cose :- come stai, tutti bene in casa, i figli crescono, le pecore fanno latte,il maiale cresce, etc.etc. Il dialogo del silenzio.Il rispetto della persona. L’amore di tutto il borgo racchiuso in pochissimi gesti.Non voglio dire che le persone comunichino così, tutt’altro, però , se fosse possibile abbassare i toni e riscoprire la melodia del “silenzio” ti immagini come sarebbe bello?Riscoprire soprattutto la parola -rispetto- Guardare le persone nel profondo degli occhi per scoprire ombre di dolore , di amore… Ecco ! La melodia dei suoni che emergono dall’animo di tutti noi. Queste cose ci sono , basta cercarle con semplicità.

  7. popof1955 ha detto:

    E quando la musica c’è, si balla 😉

  8. scanazzatu ha detto:

    Potere trovare nuove parole, non le solite banali,
    nuove parole dette col cuore, non con la mente,
    nuove parole per dirti “mia cara amica”
    Ma forse a volte grida più il silenzio,
    in fondo tutte le parole del cuore,
    sono racchiuse in esso,
    Un forte, silenzioso grido,
    per dirti grazie dell’amicizia
    che sai donare.
    C iaoooooooooooooooooooo

  9. Raul111 ha detto:

    E allora suoniamo!
    Buona giornata.

  10. zebachetti ha detto:

    Un post intelligente bello da capire nel suo vero significato Suoniamo Ciao Vera

  11. luli118961 ha detto:

    “… C’è un luogo comune a tutta l’Umanità: la nostra anima. In essa risiede tutto il nostro senso, i nostri desideri, i nostri sogni, i nostri bisogni, il nostro sentire, i nostri sentimenti…come forze primordiali, selvagge, naturali, comuni. Forze che spessissimo sono lasciate ad ammuffire o seppellite da coltri spesse di polvere come lo sono l’egoismo, la prepotenza, l’ignoranza, l’ignavia, la stoltezza, le false felicità. La nostra anima come un pianoforte contiene tutte le melodie ..basta suonare i tasti giusti. Suoniamo?”

    Le ho trascritte … Magnifiche parole … un sorriso … Luli

  12. ili6 ha detto:

    Ma certo che suoniamo! E anche cantiamo 🙂
    Perchè le parole belle, le parole piene, cariche, forti di positività e di serenità ci sono, le troviamo sempre dentro e servono e arrivano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...