come rose…

Rose sul ciglio delle strade
rosa nera d’Africa
eterea dell’Est
rosa d’Oriente
Rose di nessuno e di tutti
rose in boccio ma stropicciate dalla vita
che come grandine ne impedirà
la smagliante fioritura.
Petali sgargianti sulla pelle
richiami civettuoli
agli occhi distratti
profumo di cerbiatto impaurito
ad uno sguardo attento
si offrono…
Non è mai una scelta fiorire
ai bordi delle strade
altri hanno strappato le loro radici
e le hanno disseminate nel mondo
esponendole ai venti e alle intemperie
vendendole …svendendole
C’è sempre un deserto
un precipizio, un dirupo
una caverna,un labirinto
un buco cieco, un terreno ostile
una tormenta, e perchè no
anche un sogno
o la carezza di un’illusione
alle spalle.
Pochi soldi e si è
autorizzati a sciuparle
calpestarne i petali
a negarne dignità
a rubarne l’anima
ad annerirne la purezza.
Il dono più intimo violato
da mani estranee senza amore
velluto sgualcìto, seta smagliata.
Ogni volta che un’auto rallenta
ogni volta…
si lima un altro pezzetto di sogno
quel sogno di giardino privato
che ogni donna stringe in fondo al cuore.
Nessun dolore,nessuna pietas,nessun rimorso
Per i più sono solo …erbacce

Semplice

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in poesia.

37 commenti su “come rose…

  1. La natura riesce a far sbocciare rose anche nei precipizi…

    Luisa
    🙂

  2. molto bella !!!
    ciaoo
    daniele

  3. Le rose sono come le donne…stupendamente preziose nella loro fragilità.
    Purtroppo per i più sono solo erbacce!!!
    Un saluto

  4. fernando garda ha detto:

    Cara amica, sei inimitabile sai rendere poetica anche una triste realtà .
    BRAVA (non posso dire altro altrimenti mi sgridi) ciaoooooooooo

  5. mistral ha detto:

    Ai margini della vita un lungo viale di
    dolore. Orme di petali abbandonate per
    sempre sotto un cielo indifferente.

    Grazie Vera
    Magnifici i tuoi versi
    Mistral

  6. “Rose di nessuno e di tutti
    rose in boccio ma stropicciate dalla vita
    che come grandine ne impedirà
    la smagliante fioritura.”

    Talvolta non siamo anche noi così?

  7. zebachetti ha detto:

    rose. cè poco da aggiungere descrizione ben fatta e vai dritta nel centro del problema bella e riflessiva. bel blog il tuo merita più attenzione devo trovare il tempo. lo troverò grazie con simpatia un sorriso buona serata nazz.

  8. ANGELOM ha detto:

    12 ROSE ROSSE PER TE

  9. luciabaciocchi ha detto:

    Vera, sto diventando gelosa, mio marito ti dedica rose rosse…..segno di passione!!! Sei bravissima…a presto!

  10. Ciao!! i tuoi commenti mi lasciano sempre esterefatto che dire.. le parole ora sarebbero superfluo a mio avviso !!
    grazie e ciaoo
    daniele

  11. semplicementelisa ha detto:

    Gia’ erbacce buone solo per essere sfruttate ..
    magari dal bravo e onesto padre di famiglia che poi vota lega e tuona contro la perdita dei valori …

    dai diamanti non nasce niente dal letame nascono i fior …

    ti abbraccio ..sogni belli

    elisa

    • semplice1 ha detto:

      Sacrosanta verità Elisa.. se non ci fosse la domanda non ci sarebbe neppure l’offerta. Ho visto un servizio della giornalista Cuffaro che si è finta prostituta per un’indagine, bene..si fermava ogni tipo di uomo, dal buon padre di famiglia con passeggino a seguito, dal professionista, da quello (apparentemente) timorato da Dio. Che brutte anime che si prendono il diritto di comprare un corpo, una persona, per pochi spiccioli.
      Un abbraccio grandissimo
      Vera

  12. ilgiullaredicorte ha detto:

    scusa il ritardooooooooooooooo …ma ci sono !!!
    certo hai scelto proprio un bel tema tosto per questa tua bellissima poesia …rose …..solo tenere e indifese rose….

    • semplice1 ha detto:

      Giullare…ciaoooooo, tranquillo non c’è il cartellino da timbrare…la tua visita mi fa piacere sempre!!
      Molte mie poesie hanno temi tosti.
      Grazie a presto
      Vera

  13. Antonino ha detto:

    Bellissimi fiori, le rose, vanno maneggiate con molta cura, ci si potrebbe pungere…………..

  14. Solo dei barbari possono trattare questi fiori alla stessa stregua delle erbacce. Chi le conosce e sa apprezzarle le amerà per sempre.

    • semplice1 ha detto:

      Antonino..sono più i mietitori che i contadini amorosi..a questo mondo!
      Solo, non dovremmo fermarci alla denuncia, ma attivarci per cambiare davvero le mentalità.
      Un caro saluto
      Vera

  15. ili6 ha detto:

    Ma quanto è bella questa poesia!
    Un tema forte trattato con affetto, rispetto, solidaietà, amicizia verso ogni donna, specie le più sfortunate. E c’è rabbia, tanta rabbia verso chi calpesta ciò che crede erbacce e verso chi non sa riconoscere, aiutare e rispettare le Rose.
    Mi hai commossa. Brava Vera!

    Auguri di serena Pasqua, ciao

    • semplice1 ha detto:

      Grazie a te Ili..sono felice quando riesco a comunicare un’emozione.
      Anche a te faccio gli auguri di una Pasqua serena con tanta gioia e luce nel cuore.
      Un abbraccio
      Vera

  16. lucia baciocchi ha detto:

    Ma Vera, dove sei finita? Devo mettere un annuncio per trovarti? Ma non vuoi scambiare co me gli auguri di Buona Pasqua? Un abbraccio

    • semplice1 ha detto:

      Lucia, hai ragione, sono stati giorni pieni d’impegni. Ti ho lasciato un messaggio nel tuo blog.
      Ti voglio bene…ma come ti viene in mente che io non voglia scambiare gli auguri con te?
      Un abbraccio forte forte
      Vera

  17. scanazzatu ha detto:

    Ciaooooooooooooo

  18. semplice1 ha detto:

    Antonino…..ho visitato il tuo blog oggi. Benvenuto in questo mondo straordinario dei bloggers…sono sicura ci stupirai con effetti speciali.
    Ad maiora sempre!!!
    Vera

    • scanazzatu ha detto:

      A proposito del termine “scanazzatu”, indica anche “ragazzaccio” e in fondo dentro noi c’è anche un piccolo scanazzatu che ogni tanto viene fuori, un pò come per dr. Jekill e mr. Hyde.
      Ciaooooooooooooooo

  19. cordialdo ha detto:

    Stupendi questi tuoi versi non solo per il loro valore artistico che è, comunque molto elevato, ma, soprattutto per avere affrontato con estrema sensibilità ed umanità un tema così delicato come quello delle “rose” che troviamo lungo le strade periferiche, per lo più, delle nostre città o lungo le strade extraurbane. Sono,in molto casi, fiori che, appena sbocciati, sono destinati ad appassire senza ne nessuno ne abbia sentito il loro profumo ed apprezzato il loro colore. Tu lo hai fatto e te ne sono grato per l’alto valore sociale che personalmente attribuisco alle tue riflessioni. Grazie, Vera. Un abbraccio. Ciao!

  20. semplice1 ha detto:

    Bellissimo il tuo commento, mi riferisco particolarmente in riferimento al tema della poesia! Ti ringrazio di cuore a nome di tutte le rose calpestate ancora in boccio.
    Ti ricambio l’abbraccio.
    Vera

  21. the thought's tree ha detto:

    Che c’è da aggiungere? Hanno già detto tutto gli altri.
    Quindi mi accodo ai complimenti, a te e alla tua enorme sensibilità che ti permette di trattare argomenti tanto spinosi (è il caso di dirlo) con una tale grazia.

    Ciao.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...