Sono un italiano…per fortuna o purtroppo

Vi passo quest’amara riflessione di Antonino che condivido pienamente.

Sono un italiano, sono fiero di esserlo, malgrado tutto, malgrado questa Terra sia continuamente  calpestata da gente che non conosce il significato delle parole dignità, morale, che sa solo fare i propri interessi, rendendosi ridicoli satiri acclamati da chi ha fatto di loro nuovi idoli. Sono un italiano che ha avuto la fortuna di lavorare con gente che ha sempre anteposto, a tutto, il bene altrui, fino a donare la propria vita per migliorare la società in cui viviamo. Non posso fare a meno di provare disgusto per tutto il fango che si tenta di gettare su tutti coloro che onestamente vanno avanti, senza cadere in facili tentazioni, promesse di privilegi bassi e spesso illegali.

Sono un italiano , non è certo per questa corruzione che sono morti tanti coraggiosi, bensì per un ideale, per un’idea di legalità che sembra essersi ora dissolta. Sono un italiano e sono “incazzato” perché questa meravigliosa Terra non merita tutto ciò, perchè gli italiani che sono sempre stati un esempio per ingegno, cultura, creatività, scienza , adesso rischiano di essere giudicati alla stessa stregua di pochi spregevoli esseri.

Sono un italiano e, malgrado tutto, continuerò a gridarlo senza stancarmi, fiero di esserlo, a differenza di chi, pur essendolo, infanga questa grande Italia.

Antonino

Lucia, a completamento dell’argomento, ci ha inviato quest’altro messaggio:

E noi…siamo ancora capaci di indignarci.

In Francia il fenomeno letterario dell’anno è un breve saggio di Stephane Hessel, novantatreenne scrittore, “Indignez vous”. Lo scrittore punta il dito su temi globali;  il divario tra ricchi (pochi) e poveri (sempre di più), la cattiva condizione degli immigrati, lo stato di degrado dell’intero pianeta, la mancanza di lavoro e molti altri temi importanti.  Ci invita tutti a percepire la drammaticità della situazione, a destarsi da questa assuefazione e risvegliare in noi quel sentimento di riscatto:” l’Indignazione “. Soltanto attraverso una “Insurrezione” pacifica potremo uscire dall’indifferenza individuale e assumerci le nostre responsabilità.

Lucia

Annunci

6 commenti su “Sono un italiano…per fortuna o purtroppo

  1. luciabaciocchi ha detto:

    Antonio finalmente sento qualcuno che come me si INDIGNA difronte a questo decadimento morale che sta imperando nella nostra società.Anche io sono fiera di essre italiana, ma dispiaciuta dell’idea negativa che il L’Europa si sta facendo del nostro Paese.

  2. luciabaciocchi ha detto:

    Antonio sono ancora io, avevo questo articolo nel cassetto mi è sembrato calzante con quello che tu hai esposto! Che ne pensi?

    • Antonino ha detto:

      Come non essere d’accordo con colui che ha partecipato alla stesura della “Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo” L’indignazione è proprio quello che dovrebbe spingere a prendere coscienza di tutti i problemi che assillano questa società, dal divario sempre più grande tra ricchi e poveri, l’ambiente, il sociale, il razzismo, privilegi, corruzione. Molto lunga la lista. Si condivido tutto.

  3. popof1955 ha detto:

    Attenzione però, l’indignazione è provocata ed è anche un’arma in mano a chi sta nella stanza dei bottoni per far tacere le voci libere, come dice Lucia/Hessell ad assuefarsi, così che si finisce per pensare “tanto le cose non cambieranno mai”, e invece no e lo tsumani che sconvolge il Mediterraneo ne una dimostrazione.

  4. riccardo ha detto:

    Io mi sono già dimesso da questo modo di governare, sono orgoglioso di essere Italiano, e combatto per fare in modo che queste porcheria non debbano più ripetersi, anche se sembra che la maggior parte di noi voglia giustificare l’operato dei nostri governanti.

  5. semplice1 ha detto:

    Sembra….sembra Riccardo!!! Non facciamoci anestetizzare da quella scatola che ci dice, solo, ciò che ha interesse diffondere. E’ per strada, nei luoghi di lavoro, sui mezzi pubblici, ai mercati che bisogna prestare attenzione, dove tutto è più vero.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...