“Quel ieri” che rivive oggi….

ciliegie01

Eccole!!! Sono arrivate! Le aspetto con trepidazione nuova  e mai sopita con l’avanzare degli anni, ogni primavera.. Le ciliegie sono la mia passione…potrei mangiarne un intero paniere e non sentire il senso di sazietà; mi fermano solo le pareti dello stomaco quando sono gonfie come dei palloncini al limite dello scoppio. Non è solo golosità..più che altro ho con loro un legame affettivo..un muto accordo, un silente dialogo pieno di tanta vita che ci ha viste insieme..ogni anno mi riprogongono il mio amarcord. Mi spiego.. altrimenti potrei sembrarvi folle .. Da piccola, insieme a mio fratellino minore  accompagnavamo mio padre nella vigna  per raccogliere ciliege.. gli alberi erano immensi, altissimi..lui legava due lunghe scale di legno e con l’agilità di uno scoiattolo si arrampicava su per i rami a raccogliere quelle più grosse, più mature e via via riempiva i panieri che calava giù con una corda…io sganciavo il gancio e la corda risaliva su per fare altre volte lo stesso percorso. Vedere mio padre così in alto come fosse un uccello  lo faceva apparire ai miei occhi di bimba un supereroe dotato di superpoteri, non ho mai tremato di paura perchè lui era rassicurante e per rafforzare tale tranquillità cantava arie di opere liriche  di cui era appassionatissimo. Mentre aspettavo il carico successivo io mi impegnavo a farne fuori quantità indicibili…ancora una e poi basta, dicevo a me stessa..ma poi..oh che grossa questa e questa ..e quest’altra non l’avevo vista…vi dirò…spesso per la fretta le ingoiavo con tutto il nocciolo! Ma erano anche gioco, in tempi in cui di giocattoli se ne vedevano pochi..così diventavano orecchini e provavo a far la diva inventandomi balletti sotto il grande albero al ritmo delle canzoni che cantava papà,  mentre mio fratello applaudiva divertito d’avere una sorellina tanto matta..oppure facevamo a gara a chi sputava il nocciolo più lontano o ci improvvisavamo mercanti di gioielli..vendevamo rubini! Da lindi com’eravamo usciti da casa ecco esserci trasformati in due guerrieri tutti insanguinati..ma era sangue buono, pacifico. Poi arrivava l’ora di rincasare; tornavamo a casa a piedi, un percorso bellissimo tra sentieri di montagna e viottoli erbosi , poi di radura in radura si arrivava al paese. Mio padre portava una grande cesta piena di ciliegie sulle spalle, e poverino era costretto a fare più fermate della via Crucis…Già, le ciliegie in pancia smuovevano.. e a me e mio fratello scappava con urgenza il bisogno ogni due tre..Papà carta!  Ricordo che all’epoca non c’era la carta igienica bianca e profumata di adesso…mia madre comprava dal fornaio tanti chili di carta da pane. Per chi non ce l’avesse presente..era una carta sottile di color marroncino..lei la tagliava a rettangoli e mio padre da previdente ed organizzato qual’era ne portava sempre una scorta con sè. Quanta pazienza aveva quell’uomo, Giobbe al suo confronto era un irascibile, non ha mai brontolato una volta, con rassegnazione depositava la cesta su un muretto e aspettava di riprendere il cammino.  Le ciliege erano anche companatico delle mie colazioni e merende..sia che fossero trasformate in marmellata sia in purezza, a quei tempi non esistevano le merendine per fortuna!!!…tutt’oggi pane e cerase lo trovo un cibo divino.

merenda_ciliegie

E che dire delle mie scorribande adolescenziali? Le ciliegie in questo caso diventavano oggetto di aggregazione. Progettavamo dei veri piani strategici d’attacco per andare a rubare ciliegie. Organizzare la “battuta” riempiva interi pomeriggi di quel gruppetto di ragazzi che si spicciava a fare i compiti per ritrovarsi sul muretto.  La materia prima diventava marginale, solo giustificativa..piuttosto entravano in gioco il brivido, il piacere sottile della trasgressione, l’adrenalina data dal rischio d’essere scoperti, il gusto della competizione, il segreto da non far trapelare ai genitori, il misurarsi e sul piano dell’abilità fisica e su quello della seduzione. C’era sempre il ragazzo, che ci piaceva, su cui fare colpo..e dimostrare d’essere coraggiose o anche incoscienti ci galvanizzava. Se chiudo gli occhi posso sentire nitidamente l’eco delle nostre risate sulla collina e riprovare il sapore di quei primi baci al gusto di ciliegia dopo l’escamotage della sfida:  vediamo  se m’acchiappi! Poi sono diventata grande…i miei piedi mi hanno portato lontano da lì..le distese di  grigio cemento si son sovrapposte ai prati, alle salite scoscese umide di muschi, la raccolta diretta dai rami è stata soppiantata dalla bilancia del fruttivendolo, la gratuità dal pagamento, le responsabilità hanno preso il posto della spensieratezza.. ma nulla è riuscito a cancellare quei ricordi e soprattutto la piacevolezza di ritornare a ricordarli come fosse un appuntamento fisso, ciclico e con la capacità di rinnovarli e ridar loro verginità. Anche se la vita è adesso ed ora..quel che siamo oggi e il modo in cui la percepiamo ed assaporiamo lo dobbiamo a quel ieri che è sempre dentro di noi.

Semplice

L’uomo al centro di un’altra Europa.

Mancano poche ore  alla mezzanotte…poi, grazie Dio, taceranno le propagande elettorali. Da mesi, dentro la scatola magica, in ogni casa, ad ogni ora, si sono avvicendati  discutibili e osceni personaggi  affannati a sbandierare una verginità intonsa e casta non “ricordando” d’averla  persa nella notte dei tempi; virtù barattata per una poltrona, per un pò di prestigio, per il  godimento di privilegi. Con l’indifferenza emozionale e facciale delle statue di sale, condannati, collusi, indagati, mafiosi, si sponsorizzano come i veri ed i soli possibili salvatori dell’Italia e dei suoi disgraziatissimi abitanti, dimentichi di tutto quello che gravita sulle loro coscienze…dimentichi soprattutto d’aver  governato per decenni e d’averci ridotto in braghe di tela. Cavolo..in Parlamento gira il virus micidiale e contagioso dell’amnisia e nessuno se ne preoccupa? Ma non è della loro amnisia che mi dolgo quanto di quella del popolo italiano..se “lor signori” hanno l’arroganza di farlo è solo perchè gli viene permesso. Possibile, mi chiedo, che come greggi indolenti e privi di volontà stiamo ad ascoltarli? E mi ritorna  ossessiva in mente questa frase di Stendhal:
«Il pastore cerca sempre di convincere il gregge che gli interessi del bestiame e i suoi siano gli stessi».
Silenziosi, assenti, proni subiamo i loro caroselli, soprassediamo alle loro scorribande, clementi assolviamo i loro peccati, anestetizzati soprassediamo ad ogni nuovo dolore,   come platea di uno spettacolo che non ci interessa, che non parla di noi, che non ci coinvolge e non ci  stravolge la vita. Sempre più siamo la cartina tornasole di quello che altrove pensano di noi: “ Gli italiani hanno un atteggiamento di spettatori, come se quanto accade non li riguardasse. Ammirano il più forte, il più ricco, e in mancanza, il più furbo”. Sono letteralmente schifata da quest’ultima performance di campagna elettorale..mai che io ricordi, s’è sceso così in basso e sul piano dei contenuti e su quello della forma. Certi dibattiti mi hanno fatto fare persino il viaggio a ritroso, riavvolgendo repentinamente il filo del tempo mi è stato facile ritrovarmi come duemila anni fa dentro al colosseo in uno spettacolo di gladiatori; mancavano solo i leoni e le tigri! Ma il martirio s’è consumato ugualmente. Un martirio invisibile apparentemente, nessuna goccia di sangue, nessun cristiano sbranato…ma a morire è stata sempre Lei!!! Lei..sua Maestà la Democrazia! E le ovazioni, a differenza di allora non erano le urla o i pollici verso o i verso pollici  bensì gli applausi o l’audience. Che tristezza, che squallore!! Nessuno straccio di programma fattibile e credibile, solo insulti e menzogne!

Che fare allora? Adeguarsi o peggio scansarsi? Certo che no!! Per tutte le cose esiste una soluzione o quantomeno un’alternativa. Io l’ho trovata in me..non tradendo mai i miei ideali e valori che mi hanno accompagnato tutta una vita.E così, pazientemente, mi sono messa alla ricerca di qualcuno  che parlasse la mia stessa lingua che credesse nei miei stessi sogni. Qualcuno che avesse lo stesso mio  sistema di riferimento, e l’ho trovato!. Non è un caso che leggendo il programma e sentendo la viva voce dei rappresentanti provassi dei brividi lungo la schiena e le lacrime di commozione salissero agli occhi.  Non posso assicurare con tutta certezza di aver trovato la soluzione immediata ad ogni problema..le cose fluiscono, vanno vissute e solo dopo si possono stilare bilanci. Ho assistito ad ogni dibattito e la pacatezza, lo spessore e la limpidezza ogni volta mi hanno influenzato piacevolmente..partire bene è già un vantaggio!!!
Mi sembra di leggere la vostra curiosità: dicci…chi è? Come si chiama questo partito? Ebbene, non sono andata su Marte nè sulla Luna..l’ho trovato su una terra vicina alla nostra, una Terra con la quale in passato legami profondi di cultura e storia ci hanno legati..una Terra che sebbene culla di civiltà, sede degli dei,  ha per colpa del “progresso” dei suoi governanti conosciuto la polvere e la miseria. Parlo della Grecia e del partito di Tsipras!.  Alexis Tsipras, un giovane  di 39 anni , è un poltico greco, leader di SYRIZA ( Coalizione della sinistra radicale greca) eletto come candidato alla presidenza della Commissione UE nelle elezioni europee del 2014 dal Partito della Sinistra Europea. Vi lascio alle sue parole:  “Più che una candidatura, afferma Tsipras, è un mandato di speranza e cambiamento in Europa. E’ un appello per la democrazia a cui ogni generazione merita di partecipare, e in cui ogni generazione ha diritto di vivere. E’ una lotta per il potere di cambiare la vita quotidiana della gente ordinaria…Io non sono un candidato del Sud dell’Europa. Sono un candidato di tutti i cittadini che vogliono un’Europa senza austerità. recessione e clientele, indipendentemente dal fatto che la loro residenza sia a Nord o a Sud”.

Punti forza del suo programma sono: la lotta all’austerità imposta dalle larghe intese, la lotta alla disoccupazione, lo Stop al Fiscal Compact, l’aggiustamento macroeconomico cioè.. i Paesi che hanno un surplus economico dovrebbero lavorare con i Paesi in deficit per bilanciare l’andamento economico all’interno dell’Europa, l’istituzione di una vera banca europea  che possa prestare denaro come ultima risorsa per gli Stati membri e non solo per le banche , un New Deal europeo…etc etc ..etc. Vi annoierei se vi elencassi tutto il programma, se volete basta cercarlo in rete.   E’ assurdo e sciocco pensare che ogni stato possa bastare a stesso…questo lo dico ai sostenitori che vogliono l’uscita dell’Italia dall’Europa…il “faso tutto mì” o l’autarchia di dolorosa memoria non servono..è l’unione che fa la forza! Costruiamo “un’altra Europa” un modo nuovo di intenderla ..non più un soggetto estraneo e percepito altro da noi, ingombrante che ci strozza e inibisce ma un’entità in cui riconoscersi che sia a tutela e garanzia di diritti e doveri. Un’Europa in cui sentirsi “a casa”, protetti come solo a casa ci si sente..protetti e liberi sia di circolare che di essere soggetti di diritto. E allora se in Italia nessun candidato vi soddisfa, perchè tapparsi il naso con la molletta e scegliere il meno puzzolente? Essere in Europa è anche questo: poter votare uno straniero, che sebbene straniero ha a cuore anche le nostri sorti. Non è strano nè fantascientifico tutto questo, vi spiego il mio punto di vista che ho espresso decine di volte in altri miei post con la metafora del corpo umano: l’Umanità è un corpo unico..se una sola parte di esso soffre tutto l’insieme ne risente!! Ecco perchè bisognerebbe fare in modo che tutti gli organi funzionino perfettamente…vi ha mai fatto male un callo o un dente? Ditemi in tutta onestà, in tali condizioni potevate svolgere tranquillamente tutte le attività della vostra vita? Non credo!! Partecipiamo, sentiamoci COMUNITA’…quindi non rimanete a casa il 25 maggio, alzate le vostre regali natiche e andate a votare…non fate un favore a nessuno se non a voi stessi, credetemi. E’ inaccettabile lasciare che altri decidano come debba essere la nostra vita.

Semplice

Cara mamma….

mamma

Della serie com’eravamo.
Quante cose in comune: stesso naso all’insù, stesso taglio di zigomi, stessi capelli chiari e fini..stessa “religiosità” nei confronti della Vita, uguale senso del dovere, del sacrificio, della responsabilità.
Quante cose diverse: diametralmente opposte nella manifestazione ed esternazione dei sentimenti, lei chiusa ed ermetica, io un libro aperto e parlante. Lei intrappolata nella sua femminilità, liggia alle regole e ai protocolli, per dirla con un motto: “tutta tacchi e spilli e osservante praticante”… io ribelle sin da bambina, prova ne sono le ferite sulla mia gambetta. Non c’era niente che io non potessi fare, perchè femmina…non avevo e non ho metri di comportamenti sconvenienti tranne ovviamente per quelli che offendono la dignità mia e quella altrui.
Cara mamma quanto mi manchi!!
Posso dire, senza ombra di smentita d’essere cresciuta tutta di un colpo proprio il giorno in cui sei andata via.. il mio porto sicuro dove rifugiarmi durante le intemperie della vita spariva all’improvviso.  Ho dovuto imparare  a consolarmi, incoraggiarmi, redarguirmi da sola. Nessuno è riuscito a rimpiazzarti e a colmare quel senso di solitudine, quel sentirsi orfani, quel doversi bastare da soli. Sapessi quante volte, ancora oggi, corro al telefono arrivando persino a comporre il numero telefonico perchè ho qualcosa da dirti, da chiederti e …sapessi come rimango intontita e dolorante quando realizzo che nessuno all’altro capo del telefono alzerà la cornetta.
Il nostro è stato un rapporto d’amore molto combattuto, per certi versi conflittuale.  Ci siamo amate anche se abbiamo guerriggiato tanto…unico rimpianto: non essercelo detto abbastanza. Detestavo la tua rigidità incrollabile…ricordi come amavi definirti?  Di te dicevi parafrasando una rima di Dante:” sto come torre ferma, che non crolla  già mai la cima per soffiar di venti”. Diventavo torre anch’io…
Potessi tornare indietro più che farti la guerra ti insegnerei a lasciarti andare a regalarmi abbracci e complicità. Scioglierei i tuoi ghiacci e catene, ammorbiderei le tue ferree leggi portandoti sul terreno della leggerezza dove l’amore cresce rigoglioso e senza paura, incurante dei recinti e delle misure. Sono sicura che non mi baceresti più, solo,  nel sonno per timore di perdere autorevolezza e di mostrare fragilità,  ma lo faresti tutte le volte che dentro di te ne avresti voglia indipendentemente se fossimo sole o in mezzo alla folla. Le cose si capiscono solo dopo..spesso quando è troppo tardi.  Ovunque tu sia ti giunga il mio bacio e il mio bene.
mamma2

Semplice

Quando….

 Platone

Notizie sconvolgenti ci innondano i giorni, le case, la vita, susseguendosi in una rutilante sequenza che dovrebbe sonquassarci e muovere dentro le proprie coscienze sdegno, risentimento e furore. Dovrebbe…perchè, invece, non è così!!
Quando con rassegnata abitudine leggiamo, come normali, come consuetudinari, fatti che dovrebbero sconvolgerci.. quando la consapevolezza, la capacità logica, l’analisi critica, dormono assopite sotto la coperta del silenzio..i virus hanno l’habitat ideale  per proliferare e invadere ogni cellula del tessuto sociale.. In questi casi, la diagnosi è solo una: Paese clinicamente morto!!
Quando un popolo viene a conoscenza di misfatti gravi, quando non ha più rappresentanti integerrimi e degni che lavorino onestamente nell’interesse della res pubblica,  piuttosto che  per appropriarsene indebitamente, quando non c’è lo Stato come nell’immaginario collettivo dovrebbe essere concepito.. il popolo silente è il principale responsabile perchè la passività è sinonimo di accettazione e di colpevole complicità. Quando un popolo o parte di esso accetta di essere rappresentato da indagati e condannati, questo popolo ha ciò che giustamente merita!!

547865_618065718221659_336681289_n
Quando un Paese cede con superficialità all’illusione  e alla seduzione del profitto a qualsiasi prezzo..quando assiste inerme e ammutolito all’azzeramento  dei valori della legalità, dell’onestà e della giustizia..è un Paese tenuto sotto scacco. Salvarsi è pressocchè impossibile perchè ha perso quel quid indispensabile e vitale  che porta alla guarigione: la libertà!!!

fresco profumo di libertà

Può definirsi libero un Paese che ha barattato la morale sull’altare della vanagloria, del potere e dell’arricchimento illecito? Può il popolo di tale Paese definirsi libero se ha tollerato in rassegnato silenzio e in vergognosa indifferenza che pochi giostrai decidessero i loro destini e, ancor più ingiustificabile, il destino dei loro figli?

Può definirsi libero tale popolo che lascia  il palcoscenico alla voce dell’arroganza, della prepotenza di pochi? Può definirsi civile un Paese che viaggia su fitte autostrade, visibili e non, dell’intrallazzo, dell’inciucio, della connivenza mafiosa?

D:DCIM100MEDIAIMG_2418.JPG

La libertà è un anelito, un diritto, un bene inalienabile, un guizzo, un lievito, un respiro necessario non barattabile con nulla. In essa sono insiti i valori più nobili e preziosi del vivere: dignità, rispetto, uguaglianza, legalità, giustizia. Se uno solo di questi elementi viene calpestato..non si è veramente liberi. La libertà non è un traguardo individuale..non potrò mai dire di essere libera veramente se intorno a me vivono degli oppressi, degli schiavi, dei bisognosi. Provo tanta pena per coloro che coltivando il
proprio orticello verde e fruttuoso s’illudono d’aver raggiunto la realizzazione di una vita. Non ho formule magiche per risolvere questi disastri, confido sempre (sono un’irriducibile sognatrice) nel risveglio delle coscienze, nell’utilizzo dell’intelligenza, nella messa in atto del buon senso ed opporsi alla logica di far regolare tutto solo dal mercato mettendo al centro dell’interesse l’uomo e la sua dignità. Forse aiuterebbe soffermarsi a valutare la caducità della vita e ricercarne l’essenza.

É di Zenos Frudakis ” freedom” e si trova a Philadelphia.

Semplice

Errori….in “cucina”

maybelline-new-york_s-2011-calendar-shoot-chicquero-3

 

Impellente
irrinunciabile
irrimandabile
imprevedibile
improvviva
inattesa
era scoppiata in me voglia di dolce.
E così…
Ti ho impastato con la miglore farina: i miei sogni
come acqua ho usato la più pura: le mie lacrime di gioia
come lievito : tanti quadrotti di amore
Ho usato la fantasia più estrema
dandoti la forma dei miei desideri
Ti ho messo a crescere nel luogo
più caldo: vicino al mio cuore
Incantata  mi sono stupita del risultato: unico!
Già assaporavo con la mente le emozioni
la goduria nel mangiarti
Ti ho messo a cuocere
nel forno della mia passione
ma…ahimè ho sbagliato temperatura:
ti sei bruciato !!!
E..adesso?
Non mi resta che …
rimediare al disastro
e andare in pasticceria!

187

Versione semiseria della fine di un amore

Semplice